Sanità digitale: a che prezzo? Quello della garanzia o quello dell’innovazione?
Perché ciò che è garantito non può essere innovativo, si possono avere certezze dal passato, ma non dal futuro. Eppure nella maggior parte dei casi si punta sulla sicurezza del già noto.

Lo fanno le pubbliche amministrazioni, per esempio, professandosi paladine della sanità digitale, ma imbrigliando di fatto il processo innovativo nei lacci delle grandi società. Si rischia di meno da Ibm che da una piccola startup, eppure le più grandi rivoluzioni tecnologiche e sociali sono nate dal basso. In un garage. O in un laboratorio universitario.
Non a una cena elegante a base di caviale e champagne, dove l’ad di x stringe la mano al direttore di y. Il processo dinamico – proprio perché tale – non si costruisce a tavolino.

Il venture capitalist John Doerr, azionista in svariate società che hanno fatto la storia della tecnologia, ha recentemente ribadito il grande potenziale dell’eHealth, un mercato che potrebbe diventare estremamente fruttuoso per gli investitori, ma solo a condizione che lo sviluppo segua un cammino orizzontale e non verticale. Perciò è necessario dare fiducia al piccolo, soprattutto se si è grandi. Perché solo chi vuole spiccare il volo si sforza davvero per implementare tecnologie mai viste e mai sentite.

Chi è già in quota si limita alla velocità di crociera. Qualche esempio pratico? Microsoft ha rivoluzionato la comunicazione di rete, anzi l’ha creata, ma si è poi arenata su un modello evolutivo, piuttosto che generativo. E infatti l’ultima frontiera delle telecomunicazioni è firmata Apple, con la diffusione dell’informatica mobile. Tuttavia, ha segnato più la storia l’iphone o l’iphone 7? Facebook e Google o Messanger e Internet explorer? Il rischio è parte del gioco, così come ogni vittoria è sempre preceduta da una sfida.

La nostra innovazione si traduce in InEquipe. Siamo convinti che il miglioramento del servizio sanitario debba necessariamente nascere da ogni singolo medico. Secondo voi?

Chiara Daffini
Editor InEquipe

 

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.